cansiglio.it

Sei qui: Home | Non categorizzato | Per il Cansiglio

Dopo oltre trent’anni di proposte, di parole spese, di promesse fatte, di delusioni amare, di impegno costante e di manifestazioni ardite, per il Cansiglio, oggi, ci vogliono coraggio e determinazione, non più cautela. Coraggio di decidere e determinazione ad agire, ad aprire un dialogo che davvero possa definirsi tale con le comunità che lo abitano, che lo custodiscono, che lo attraversano e che, a volte, lo straziano. Per il Cansiglio, oggi, ci vogliono coraggio e determinazione, non più cautela. Il coraggio di desiderare un futuro che tuttora permane negato e la determinazione ad attuarlo. Nel dicembre 2006 l’autorevole Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi (CIPRA) firma, a Schaan, un memorandum per il futuro nelle Alpi: il futuro è quello che le persone sono in grado di immaginare oggi e appartiene a coloro che partecipano attivamente per determinarlo, nel bene e nel male. Nel memorandum, al paragrafo dedicato alle aree protette, leggiamo che nei decenni scorsi nelle Alpi sono state istituite, e anche in seguito continuano ad essere istituite, numerose aree protette. Esse costituiscono un importante sostegno per lo sviluppo regionale sostenibile e sono aree rifugio della biodiversità. E ancora, leggiamo che la CIPRA chiede uno sviluppo qualitativo delle aree protette e che si eviti un uso strumentale del termine. Per le aree protette alpine di tutte le categorie devono essere introdotti criteri qualitativi vincolanti a livello alpino. Tuttavia, in merito alla protezione della natura sussistono gravi carenze nella mancanza di un continuum ecologico nell’arco alpino e nel territorio circostante. E dunque, la CIPRA chiede un più stretto collegamento territoriale tra le aree protette e la creazione di corridoi ecologici tra aree di pregio ecologico. Anche all’esterno delle aree protette e in aree con una forte intensità di utilizzo occorre conservare e promuovere la biodiversità e l’efficienza ecologica. In molte località le aree protette sono regioni modello e piattaforme per lo sviluppo regionale sostenibile in cui i comuni svolgono un’importante funzione. La CIPRA sottolinea che il contributo delle aree protette allo sviluppo regionale non dovrebbe essere misurato unicamente sulla creazione di valore aggiunto, quanto piuttosto sul loro valore sociale in generale. Confortati da quanto indicato dalla Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi e dal fatto che il 13% dei Parchi europei sia collocato in territori di confine e in 34 casi in situazioni transfrontaliere , torniamo qui ad affermare con coraggio e con determinazione l’unico futuro che per il Cansiglio riteniamo possibile e che solo l’istituzione di un’area protetta interregionale può garantire sostenibile, attribuendovi nuove e pregnanti semantiche. Tutto il resto non è altro che bricolage del territorio.

System.String[]

Newsletter

Per ricevere il Bollettino del Cansiglio (email) iscriviti alla newsletter
Sei qui: Home | Non categorizzato | Per il Cansiglio

 

  Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Informazioni >Cookie Policy>OK