cansiglio.it

Sei qui: Home | Ambiente | Tetraonidi

Ambiente naturale del Cansiglio

Tetraonidi

I tetraonidi Cansiglio



GALLO CEDRONE Tetrao urogallus
L'habitat di questa specie si estende su una fascia compresa fra i 1.000 e i 1.800 mt. di altitudine. Preferisce vecchie conifere con elementi di foresta decidua e ricco sottobosco a mirtillo e lampone, all'interno dei quale ricerca il suo nutrimento estivo. La dieta invernale è, invece, composta da aghi e gemme di abete rosso. Necessita di vecchi alberi secchi dove si riposa e si accoppia, di grandi ceppaie e tronchi marcescenti coperti di muschio per inscenare le spettacolari parate nuziali e per la nidificazione. l pulcini, assai precoci, si nutrono di insetti, formiche e loro larve.

 


 

PERNICE BIANCA Lagopus mutus
Presente nell'area alpina dai 2.000 ai 3.500 mt. di altitudine nella fascia corrispondente ai limite degli alberi, in praterie e terreni con sporgenze rocciose, tra lo sfasciume delle rocce dove la neve resta tutto l'anno. In estate si nutre principalmente di foglie e gemme di salice nano, di mirtilli e di varie erbe alpine, mentre in autunno di bacche. D'inverno, frequenta crinali e pendici soleggiati dove la neve si scioglie per prima e solo in occasione di copiosi e perduranti innevamentii degli abituali ambienti tipici della specie, essa si sposta temporaneamente verso il basso.

 


 

FRANCOLINO DI MONTE Sonasa bonasia
La sua presenza è legata all'esistenza di boschi di latifoglie o misti con sottobosco ricco di erbacee produttrici di frutici e bacche che costituiscono il suo nutrimento.In estate, si nutre anche di insetti e piccole chiocciole condividendo la dieta dei pulcini.Nell'Europa meridionale la specie è presente solo nell'area alpina, sebbene sia il Tetraonide meglio distribuito e quello che scende alla quote più basse.Nei boschi delle Alpi Orientali risulta abbastanza frequente sebbene il suo comportamento elusivo non consenta spesso di rilevarne la presenza.

 


 

FAGIANO Di MONTE Tetrao tetrix
Vive sopra il limite dei bosco dove gli alberi vanno diradandosi, dai 1.100 ai 2.000 mt. di altitudine Legato principalmente ai boschi di conifere, il Gallo forcello, com'è più spesso denominato, si nutre di gemme di conifere, salice, ontano, sorbo e pioppo oltre che di bacche e parti della pianta dei mirtillo nero. I pulcini, nei primi mesi di vita, mangiano esclusivamente piccoli insetti; solo successivamente si abitueranno a nutrirsi dei tipici alimenti degli adulti. l maschi adulti sono sedentari e fedeli al loro territorio, dove si esibiscono nelle note parate di corteggiamento, mentre le femmine e i giovani possono raggiungere territori molto lontani da quello di origine.



Newsletter

Per ricevere il Bollettino del Cansiglio (email) iscriviti alla newsletter
Sei qui: Home | Ambiente | Tetraonidi

 

  Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Informazioni >Cookie Policy>OK