cansiglio.it

Sei qui: Home

Articoli

23/11/2000-Malgaro picchiato dai bracconieri (Corriere delle Alpi)

Corriere delle Alpi

ALPAGO  
giovedì 23 novembre 2000, S. Clemente  
 
Malgaro picchiato in Cansiglio
Alpagoti gli assalitori: battuta la pista del bracconaggio
UNA STRANA AGGRESSIONE

Francesco Dal Mas

TAMBRE. La "guerra dei cervi" è esplosa in tutta la sua virulenza. Con l'abbattimento degli ungulati (gli agenti del Corpo forestale dello stato ne hanno trovato già 3, in queste settimane) da parte dei bracconieri, ma anche con pestaggi di chi abita sul posto e che fa da sentinella. E' la disavventura capitata a Claudio Concato, che conduce malga Lissandri, assieme alla moglie e ai tre figli. «Ho visto aggirarsi una macchina attraverso i pascoli dell'azienda», racconta il malgaro.
«Con il trattore ho bloccato la strada, ma l'auto ha cercato di scappare, investendomi. Ho protestato e subito mi sono trovato al centro di una serie di pugni e calci da parte di uno dei due occupanti, che sono scesi per darmi la "lezione". Ho sporto denuncia alla guardia forestale».
Sull'episodio stanno indagando carabinieri e procura di Belluno, per capire se i protagonisti del pestaggio si trovavano in azione di bracconaggio. «Questo non lo posso certificare. Si tratta di persona note, residenti in Alpago, che hanno precedenti. So pure che la pista che hanno compiuto con l'auto è la stessa che fanno i cervi».
La cooperativa Alpa, per la quale Concato lavora, ha chiesto all'ente "Veneto agricoltura" e, quindi, alla Regione, la chiusura di tutte le strade interne. «Di questi tempi siamo molto preoccupati per la nostra incolumità, perché di notte vediamo un viavai di fuoristrada e sentiamo pure degli spari. Sulla piana del Cansiglio vivono delle famiglie e la situazione, pertanto, è al limite della sicurezza. I bracconieri, infatti, sono persone senza scrupoli, dal grilletto facile, specie quando hanno la preda a portata di fucile».
Il Corpo forestale dello stato ha aumentato la vigilanza, in particolare di sera e di notte. «Purtroppo possiamo contare su un numero insufficiente di agenti», fa sapere Alberto Piccin, della direzione del Demanio forestale.
Sono già 3 i cervi trovati morti dai Forestali del Cfs. Ma la "carneficina" deve ancora iniziare. «Quando, nei prossimi giorni, gli animali prenderanno il largo dal Cansiglio, dove la vigilanza è massima, e si trasferiranno sui versanti della pedemontana trevigiana o pordenonese», sottolinea Piccin, «la caccia sarà virulenta e molti capi verranno abbattuti».
I cervi del Cansiglio sono più di 300 e in foresta, quando comincerà il freddo, non ne resterà uno. In questi giorni, verso il tardo pomeriggio, si raggruppano (anche in 40-50) in diversi punti della piana, nei pascoli adiacenti la statale. Scendono dalle alture sopra malga Lissandri, attraversano il pascolo e la strada, si dirigono verso l'orto botanico, raggiungono l'ex hotel San Marco e parcheggiano nei dintorni. «I danni sono notevoli», ammette Concato, «perché rovinano i pascoli quando sono così numerosi».
«Come Comitato per il parco», aggiunge, al riguardo, Mario Azzalini, «sollecitiamo il Cfs ad aumentare l'organico degli agenti in Cansiglio, perché i pochi che ci sono non riescono a garantire una sufficiente tutela. Inoltre siamo del parere che anche le altre forze dell'ordine dovrebbero tenere sott'occhio quest'area, perché le famiglie che vi abitano hanno paura in questi giorni». I bracconieri hanno avuto il coraggio perfino di abbandonare una cerva nei pressi dell'ingresso alla stazione dei Forestali, immaginando di farla franca grazie alle tenebre. Invece due studenti universitari, rientrando nella palazzina, hanno avvistato il capo abbattuto e allertato gli agenti.

System.String[]

Newsletter

Per ricevere il Bollettino del Cansiglio (email) iscriviti alla newsletter
Sei qui: Home

 

  Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Informazioni >Cookie Policy>OK