cansiglio.it

Sei qui: Home

Articoli

31/10/2000-Piano Ambientale per il Cansiglio

La Tribuna di Treviso
Treviso, martedì 31 ottobre 2000, S. Quintino

VITTORIO VENETO  Al via il piano ambientale per la foresta del Cansiglio
PIANO D'AREA Tre assessori a convegno

f.d.m.

VITTORIO VENETO. La giunta regionale inserirà Vittorio Veneto e la Pedemontana in un piano d'area, per nuove opportunità di sviluppo. Lo ha annunciato l'assessore regionale Antonio Padoin, in Cansiglio con i suoi colleghi Chisso e Pra per presentare il piano ambientale della foresta. Un programma d'iniziative volte alla tutela del patrimonio naturale e turistico.
Mai visti tre assessori regionali insieme (Padoin, Chisso e Pra), in Cansiglio, per discutere del futuro della foresta meglio salvaguardata d'Italia. E insieme a loro c'erano un gran numero di amministratori comunali e delle comunità montane, nonché dirigenti ed operatori forestali.
Tutti convocati da Giorgio Carollo, presidente dell'Ente «Veneto agricoltura» per cercare di dare organicità ai piani di rilancio della foresta e dle territorio che su di essa gravita.
E' stato in questa sede che l'assessore Padoin ha fatto sapere che «la giunta regionale ha stabilito di interessare le Prealpi vittoriesi ad un piano d'area, uno strumento che viene redatto con le comunità locali e che serve a dare risposte complesse e creare opportunità alle esigenze del territorio, che le singole amministrazioni comunali da sole non riuscirebbero a risolvere».
In questo contesto s'inserisce anche il piano ambientale per il Cansiglio.
Si tratta, in questo caso, di un progetto complessivo, fatto assieme alle realtà locali, che ne garantisca la tutela e nello stesso tempo permetta di svilupparne tutte le potenzialità economiche, turistiche e ricreative.
Attualmente, l'unico strumento di gestione in mano agli amministratori del Cansiglio (al vertice di ieri erano presenti anche i responsabili delle aziende che lavorano in zona, nonché i rappresentanti della comunità cimbra, un'enclave etnica che viene tra l'altro salvaguardata dallo stesso statuto al centro di vivacissime discussioni proprio in queste ore, nonché di altre associazioni, fra i quali gli archeologi) è il piano di riassetto forestale, che però riguarda solo la funzione produttiva agro-forestale, mentre negli ultimi decenni si sono ampliate numerose altre potenzialità.
Come ha sottolineato il presidente Carollo, il piano ambientale «esce da una logica puramente vincolistica per esaltare tutte le attività compatibili con le caratteristiche e la fragilità della zona».
Sarà coinvolta nell'iniziativa della giunta regionale veneta anche la regione Friuli-Venezia Giulia, cui appartiene in parte il territorio del Cansiglio.

System.String[]

Newsletter

Per ricevere il Bollettino del Cansiglio (email) iscriviti alla newsletter
Sei qui: Home

 

  Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Informazioni >Cookie Policy>OK