cansiglio.it

Sei qui: Home

Articoli

Agricoltura in Cansiglio: fine di un sogno

PENSAVAMO SI REALIZZASSE IL NOSTRO SOGNO……….

Circa 30 anni fa abbiamo iniziato ad interessarci all’agricoltura del Cansiglio,in quel periodo qualche azienda aveva iniziato a fermarsi con il bestiame anche durante i mesi invernali grazie alla scelta coraggiosa effettuata negli anni precedenti dal Corpo Forestale dello Stato che allora gestiva l’area costruendo stalle,abitazioni per i malgari e caseificio.
L’area aveva grandi potenzialità : oltre 500 ha di prato-pascolo a 1000 m di quota facilmente accessibile in tutte le stagioni, di grande pregio naturalistico e di proprietà pubblica (prima Stato e poi Regioni) nonché conosciuta ovunque per la sua enorme valenza ambientale.
Ma aveva anche dei limiti non piccoli: le stalle,caseificio ed abitazioni erano tutte da ristrutturare,inverni particolarmente rigidi,pochissime famiglie residenti nel territorio ed era particolarmente delicata dal punto di vista ambientale.
Pur tuttavia noi pensavamo si realizzasse un sogno : un’agricoltura economicamente valida,compatibile con il territorio che la ospitava,esempio per tutta la Regione Veneto e non solo.
Sognavamo una Piana del Cansiglio in cui le ristrutturazioni delle case,delle stalle e delle altre strutture avvenissero secondo un disegno coordinato curando sì la funzionalità, l’economicità delle aziende ed il benessere animale ma anche con grande rispetto del territorio.
Sognavamo che le vacche allevate in tale ambiente andassero al pascolo diversi mesi all’anno e producessero forse un po’ meno latte ma di grande qualità pieno di profumi che poi il caseificio avrebbe o confezionato come latte fresco o trasformato in formaggi unici e di grande pregio.
Sognavamo che per tutto questo gli agricoltori pur producendo un po’ meno avrebbero ricevuto un compenso più elevato che li avrebbe remunerati del loro lavoro e dei loro sacrifici.
Sognavamo che questa agricoltura modello diventasse una vetrina meta di visite di scolaresche,di altri agricoltori e turisti; il tutto orgoglio dei produttori,degli abitanti del Cansiglio e della Regione Veneto.
Era possibile realizzare questo poiché la Regione Veneto prima tramite l’Azienda Regionale Foreste poi con Veneto Agricoltura essendo proprietaria di stalle,caseificio,case e terreni poteva orientare il tutto secondo un disegno omogeneo e coordinato.
Ciò era favorito anche dalla scelta effettuata già allora dal caseificio del Cansiglio di produrre con metodo biologico.
Ma il nostro sogno non è diventato realtà.
Veneto Agricoltura,i cui Amministratori poco esperti di agricoltura ma molto impegnati ad utilizzare la struttura (una volta si diceva baraccone) come trampolino di lancio per future carriere politiche non ha esercitato alcun ruolo guida.
I contratti con chi usa le aziende agricole prevedono l’obbligo di conferire il latte al caseificio locale: ci risulta che il latte prenda la strada di tre latterie diverse e lontane senza che nessuno sollevi alcun problema.
Gli agricoltori hanno ristrutturato le stalle ognuno con proprio progetto e addossandosi le onerose spese per le ristrutturazioni.
Il risultato è ,stato uno spreco di territorio e nessuna omogeneità urbanistica in un’area che aveva tutte le potenzialità per essere un gioiello unico.
Gli alti costi sopportati dagli agricoltori per le ristrutturazioni hanno spinto i produttori verso razze più produttive ma più delicate cadendo nel solito tranello: produco sempre di più per ridurre i miei costi unitari.
Gli agricoltori non si rendono conto che con questa equazione hanno sempre perso: oggi ,in tutta Europa il latte viene pagato alla stalla meno di 20 anni fa.
Invitiamo i nostri lettori a recarsi in Cansiglio e contare le vacche in lattazione (quelle con la mammella grossa gonfia di latte) sono al pascolo rientrando in stalla al mattino presto ed al pomeriggio solo per la mungitura.
Se le vacche del Cansiglio vedessero i pascoli e l’erba verde solo dalla finestra, o durante le riprese televisive dobbiamo purtroppo dire che no....il nostro sogno non si è proprio avverato!

System.String[]

Newsletter

Per ricevere il Bollettino del Cansiglio (email) iscriviti alla newsletter
Sei qui: Home

 

  Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Informazioni >Cookie Policy>OK